Sui certificati x attività ludico amatoriali polemiche pretestuose

Tutti sanno bene quanto il movimento e il gioco sia
importante per i bambini, gli adolescenti e i cittadini in generale
per prevenire obesità e malattie cardiovascolari, per promuovere
sani stili di vita. Ma se anche solo per partecipare ad un percorso
per famiglie di una delle tante maratone o attività podistiche che
si svolgono nelle città occorre presentarsi muniti di certificato
medico e di elettrocardiogramma, credo che difficilmente diverse
migliaia di persone avrebbero mai più provato ad avvicinarsi alle
attivita’ sportive ludico amatoriali. Questo e’ quanto era previsto
dal decreto Balduzzi e questo e’ quanto abbiamo corretto con il
decreto Fare in accordo con la FIMP e le associazioni sportivo
dilettantistiche. Per le attivita’ non agonistiche restano in
vigore tutte le norme da sempre vigenti. Mi chiedo quanto peso
abbia su questa polemica la mancata prospettiva di guadagno da
parte di chi si era gia’ organizzato per garantire questo tipo di
servizio.

Un pensiero su “Sui certificati x attività ludico amatoriali polemiche pretestuose

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *