SINDACO ADRO: PAROLE INQUALIFICABILI, COME SUE MOSSE PER FINIRE SU GIORNALI 

 

Pane e acqua ai bambini più deboli e vessilli leghisti nella scuola di Stato: queste sono state le mosse “per finire sui giornali facendosi pubblicità” del Sindaco di Adro.

In un Paese che sta cercando di salvarsi dal baratro in cui la Lega di Governo lo aveva cacciato, in cui finalmente c’e’ un Ministro per la coesione territoriale, in effetti ci eravamo dimenticati delle performance del Sindaco. Per tener desta la nostra memoria oggi insulta il Capo dello Stato, per aver dato il giusto riconoscimento ad un imprenditore che ha compiuto un gesto di solidarietà verso i più deboli della propria comunità, i bambini.

Vogliamo ringraziare il Presidente della Repubblica perché ci ricorda ogni giorno che nessuno si salva da solo, che solo se sapremo essere uniti e solidali, potremo far crescere le nostre comunità e il nostro Paese.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *