SEMPLIFICAZIONI: PD, TESORERIA NON CONTRASTI VOTO CAMERE

==  (AGI) – Roma, 7 mar. – L’emendamento sulla scuola al dl semplificazioni tiene banco nella capigruppo della Camera, presieduta da Gianfranco Fini. Il presidente dei deputati Pd, Dario Franceschini, punta il dito contro l’atteggiamento della Tesoreria dello Stato in commissione Bilancio e chiede che venga informato il premier Monti.
“Ho posto con molta determinazione un tema grande come una casa – spiega Franceschini – e cioè che su un emendamento approvato dalla commissione di merito, presente il governo, e che da settembre avrebbe evitato alle famiglie di trovarsi a dover affrontare il problema dei bambini che non vanno a scuola per mancanza del tempo pieno, in commissione Bilancio il governo ha poi manifestato una contrarietá di fatto”. “Bisogna rimettere ordine. Dopo il voto della commissione, gli organi dello Stato devono collaborare a trovare una copertura migliore, ma non possono contrastare il voto del Parlamento”.
“Il presidente Fini – sottolinea – mi ha dato ragione. Ho chiesto al ministro Giarda di informare il presidente del Consiglio, Monti”. (AGI)

SEMPLIFICAZIONI: FINI, QUESTIONE PD SU RAGIONERIA INECCEPIBILE = (AGI) – Roma, 7 mar. – “Non è la prima volta che si pone questo problema”. E’ quanto avrebbe osservato il presidente della Camera dopo che il capogruppo del Pd, Dario Franceschini, ha posto la questione della ‘bocciatura’ di fatto all’emendamento sulla stabilizzazione dei precari votato nel dl semplificazioni. “Chiedo anch’io di riferire al Presidente del Consiglio su una questione sostanzialmente ineccepibile” avrebbe aggiunto la terza carica dello Stato.
Da parte sua il ministro avrebbe osservato che si tratta di una “questione che riguarda il governo, non la Ragioneria dello Stato. Questo è organo tecnico del ministero dell’Economia”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *