SCUOLA: DISPERSIONE AL 20%, MONTI TORNI A INVESTIRE PER CONTRASTARE FENOMENO

 La dispersione scolastica, così come confermano anche i dati odierni di un’inchiesta di un quotidiano nazionale secondo il quale ogni anno ci sono 100 mila abbandoni, resta una delle prime emergenze italiane. La stessa Commissione europea ci chiede di dimezzare il nostro tasso di dispersione scolastica, che oggi è oltre il 20%, entro il 2020: chiediamo al presidente del Consiglio Monti di tornare ad investire risorse per il raggiungimento di questo obiettivo destinando a questo scopo parte degli introiti derivanti dalla lotta all’evasione fiscale.

Le risorse potrebbero essere investite nell’apertura di servizi educativi per la fascia di età da 0 a 6 anni, prolungamento dell’orario di apertura delle scuole anche al pomeriggio e potenziamento delle attività di laboratorio, creazione di equipes di insegnanti dedicate al recupero dei ragazzi dispersi per reti di scuole.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *