Legge di Stabilità. Non era Gossip

Nella legge di stabilita’ come temevamo ci sono tagli insostenibili per la scuola. Insostenibili socialmente. Insostenibili per i ragazzi con disabilita’. Non era gossip, dunque.
Il partito democratico li contrastera’ con forza. Saremo vicini a tutte le mobilitazioni dei lavoratori e delle lavoratrici annunciate nelle prossime settimane dalle parti sociali.

9 pensieri su “Legge di Stabilità. Non era Gossip

  1. Di nuovo: se volete contrastare le norme ammazzascuola della legge di stabilità dovete semplicemente non votarle in Parlamento. Il resto sono chiacchiere.

  2. Stare vicino nelle piazze che scioperano con le bandiere non conta nulla! Ribadisco se volete sapete come fare: contrastate e NON votate! Le parole ormai stanno a zero

  3. Ho sempre votato PD. Ma se stavolta non riuscirete ad eliminare questa norma dal ddl stabilità, ce ne ricorderemo in occasione delle prossime elezioni. E saremo di parola.

  4. Sono stato un elettore del PD, ma se non fermate lo scempio che vogliono fare i banchieri della scuola pubblica, VOTERO’ CINQUESTELLE.
    Il PD abbia il coraggio di non votare questi nuovi tagli, altrimenti l’appoggio nelle piazze non serve a niente. Io mi ricordo bene quando Veltroni, la Finocchiaro ed altri in occasione della riforma gelmini del 2008 scesero dal palazzo per solidalizzare con gli studenti e i lavoratori della scuola…non poterono fare nulla di più perchè il PD era all’opposizione, ma ora siete al governo e quindi i vostri voti contano… Auguri per le prossime elezioni.

  5. Ho sempre votato PD e spero che riuscire a far sì che questo scempio non si compia. Sarebbe un disastro per la scuola statale ( sarebbe quasi impossibile fare gli orari settimanali) e significherebbe il licenziamento in massa di migliaia di precari, come me, che dopo essersi abilitati nelle scuole di Specializzazione e non che hanno tenuto in piedi la scuola fino ad ora. Non posso immaginare che verremo gettati sulla strada come scarpe vecchie. La Franca sta investendo nella scuola mentre quì non si fa altro che tagliare indiscriminatamente. Ma è un paese civile questo?
    Precaria Molto delusa…….

  6. Ho appena visto l’intervento del segretario Bersani sulla scuola a Repubblica TV, spero, ma non credo, che alle parole seguano i fatti. Un vostro appoggio, anche passivo, a tali norme accelelerebbe il declino inevitabile di questo martoriato paese.

  7. L’articolo che prevede l’innalzamento dell’orario di servizio (o di impegno che dir si voglia ) è ILLEGGITTIMO perche materia di contrattazione sindacale si dorvrà ricorrere alla corte costituzionale! DITELO FORTE IN PARLAMENTO, DITELO AL PRESIDENTE NAPOLITANO, se avete a cuore il destino dei sindacati perchè i lavoratori stanno deducendo che se il pubblico si può fare i contratti da solo il sindacato diventa un inutile orpelli.

  8. Anch’io ho sempre votato PD. Ma se stavolta non riuscirete ad eliminare questa norma dal ddl stabilità, ce ne ricorderemo in occasione delle prossime elezioni. E saremo di parola
    Andare in piazza non serve, serve che blocchiate questa norma ingiusta in Parlamento, Se vogliono davvero fare una riforme vogliamo risolvere il problema, facciamo, anzi facciano una bella riforma che

    1) incentivi il merito,
    2) penalizzi il disimpegno,
    3) preveda una carriera e una valutazione del servizio scolastico,
    4) impedisca il doppio lavoro.

    Si riducano le vacanze a un mese, come per tutti, ma si riduca anche il
    numero di alunni per classe (max 20).Chi vuole fare il part time lo
    faccia ma chi si dedica a tempo pieno nella scuola venga PAGATO IL
    DOPPIO, anche con un orario 8-14 tutta la settimana (18 ore in classe,
    il resto dedicate ad attività funzionali all’insegnamento). Se si pensa
    alla qualità del servizio e alla tutela dei ragazzi, QUESTO si deve
    fare. Nelle pseudo riforme della Gelmini e di questo Profumo, NULLA c’è
    di tutto questo, ma solo tagli, tagli, tagli. Il riferimento all’Europa
    è solo per ciò che fa comodo. E GLI SPROVVEDUTI (i figli dei quali
    patiscono e patiranno per come è stata ridotta la scuola e come ancor
    peggio la ridurranno) ABBOCCANO come gli allocchi. I governanti non
    faranno MAI ciò che va in funzione della qualità perché COSTA. Fa più
    presa la spicciola demagogia e il cinismo perché sparare sulla croce
    rossa (la scuola italiana) è semplice e sazia lo spirito vendicativo (e
    ignorante) di chi pensa che gli insegnanti siano privilegiati.a

  9. profondamente indignata da questo ennesimo colpo agli insegnanti della scuola pubblica mi chiedo se il Pd avrà il coraggio di osteggiare fino in fondo questo odioso provvedimento, anche a costo di far cadere il Governo. Temo che, in caso contrario, si sarà giocato il voto di tantissimi insegnanti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *