Interrogazione parlamentare urgente sulla pulizia nelle scuole

Interrogazione urgente (Art. 151 Reg. Senato)
al Ministro dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca
Premesso che in questi giorni e’ emersa in diverse aree del Paese una vera e propria “emergenza pulizia” nelle scuole che si unisce allo stato di agitazione dei lavoratori transitati alle ditte appaltatrici della nuova gara CONSIP. La situazione di emergenza rischia di allargarsi nei prossimi giorni in tutta Italia.
Molti dirigenti scolastici si sono trovati in grave difficoltà ad anno scolastico iniziato, poiché, con il listino dei prezzi delle ditte da una parte e gli esigui fondi dall’altra, sono costretti a fare scelte difficili che riguardano non solo la garanzia di pulizia ed igiene degli ambienti scolastici, ma spesso, la vigilanza stessa dei minori e l’erogazione di servizi essenziali ad alunni disabili. Si tratta di contrazioni che portano anche ad interrompere la continuità nella pulizia e custodia, tali da consigliare la chiusura di plessi. In tal senso, la repentina e non negoziabile contrazione dei servizi ha generato forte allarme nelle famiglie tanto che, per tamponare la situazione, in alcune provincie, sono dovuti intervenire i Prefetti;
Considerato che al disagio delle scuole e delle famiglie si aggiunge quello dei lavoratori che operano presso le ditte appaltatrici il cui reddito arriva a contrazioni medie di oltre il 60% a causa dei drastici tagli al settore avvenuti negli ultimi anni;
con la Legge 133/2008 infatti, e’ stata operata la riduzione di oltre un terzo dei servizi esternalizzati per le pulizie degli edifici scolastici, passando dai 600 milioni del 2011 ai 400 milioni del 2013;
circa l’assegnazione delle risorse non sono chiari i criteri in base ai quali alle scuole è stata trasmessa una comunicazione di attribuzione di fondi per servizi aggiuntivi di pulizia e, dopo alcuni giorni, una errata corrige che attribuiva risorse notevolmente ridimensionate per le medesime finalità;
da settembre 2013 è partito il processo per le assegnazioni dei servizi esternalizzati attraverso una gara europea lanciata da Consip -piattaforma digitale degli acquisti della Pubblica amministrazione-che aveva come obiettivo dichiarato l’ ottimizzazione di servizi già resi dalle ditte esterne storiche (soprattutto al Centro Nord) o a convenzioni con cooperative di ex lavoratori socialmente utili (al Sud) e non certo, come purtroppo è avvenuto, l’esplosione di tanti disservizi e penalizzazioni per i lavoratori che si sono trovati di fronte ad un improvviso taglio delle ore di lavoro, tale da rendere impossibile la garanzia di adeguati livelli di igiene dei locali scolastici;
le procedure si sarebbero dovute concludere entro il 31 dicembre ma ad oggi non si conosce né l’esito delle assegnazioni né i termini degli appalti stessi;
alla complessa situazione delineata si aggiunge anche lo stato di agitazione dei lavoratori socialmente utili (LSU) impiegati nei servizi di pulizia per i quali nella Legge 27 dicembre 2013, n. 147 (legge di stabilità) prevede un iter che consenta di andare verso il definitivo superamento delle situazioni di precarietà nel loro impiego ma che, ad oggi, appare ancora in definizione;

Si chiede al Ministro interrogato come intenda ripristinare il corretto servizio di pulizia e di vigilanza nelle istituzione scolastiche e ponendo fine a questa grave situazione di incertezza dei lavoratori delle ditte appaltatrici e dei lavoratori socialmente utili.

Francesca Puglisi, Marco Filippi, Donatella Albano, Bruno Astorre, Maria Teresa Bertuzzi, Laura Cantini, Valeria Cardinali, Felice Casson, Monica Cirinna’, Giuseppe Luigi Cucca, Vincenzo Cuomo, Erica Dadda, Isabella De Monte, Nerina Dirindin, Rosa Maria Di Giorgi, Stefano Esposito, Camilla Fabbri, Nicoletta Favero, Valeria Fedeli, Elena Ferrara, Maria Grazia Gatti, Rita Ghedini, Manuela Granaiola, Paolo Guerrieri Paleotti, Iosefa Idem, Stefano Lepri, Sergio Lo Giudice, Doris Lo Moro, Patrizia Manassero, Andrea Marcucci, Salvatore Margiotta, Claudio Martini, Donella Mattesini, Giuseppina Maturani, Pamela Orru’, Giorgio Pagliari, Anna Maria Parente, Stefania Pezzopane, Laura Puppato, Lucrezia Ricchiuti, Gianluca Rossi, Roberto Ruta, Angelica Saggese, Francesco Scalia, Francesco Verducci.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *