I libri non sono pompe di benzina

Errare è umano, perseverare è del Pdl: non contenta dello sganassone elettorale né dell’ilarità suscitata dalla proposta sua collega Carlucci, oggi riscende in campo il ministro Meloni: alla profonda crisi del Paese, della crescita e dell’occupazione giovanile, il ministro della gioventù risponde con la con la solita ossessione sui libri di storia “comunisti”.

La soluzione secondo la Meloni? Liberalizzare libri come fossero pompe di benzina. Forse, semplicemente, non sa di cosa sta parlando: i problemi degli studenti e dei giovani italiani sono ben altri. E questo governo non ne ha risolto neanche uno.

Un pensiero su “I libri non sono pompe di benzina

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *